Verso la fine del 19esimo secolo la città portuale di Catania aveva una notevole importanza come punto di partenza e assemblaggio per l’esportazione dei tanti prodotti agricoli e minerari siciliani. Nel giro di alcuni anni la città crebbe, le attività commerciali fiorirono e furono fondate le prime ditte elvetiche di esportazione. Si formò cosi un gruppo di giovani immigrati di lingua tedesca e, nel 1881, alcuni giovani svizzeri fondarono il “Deutsch-Schweizer Club” che, nel 1916 diventò Schweizer Club.

Scuola Svizzera Catania 1911In breve tempo all’interno della Comunità elvetica di Catania si formarono nuclei familiari importanti. Alcuni bambini furono mandati nelle scuole locali, mentre la famiglia Caflisch, preferendo il sistema scolastico svizzero, fece arrivare a Catania un’insegnante dalla Svizzera per curare l’istruzione dei propri figli. A questi si aggiunsero altri bambini che frequentavano casa Caflisch per seguire le lezioni. Nonostante questi sforzi, permaneva il problema di garantire a tutti i ragazzi un’adeguata istruzione. Al volgere del secolo, una nuova generazione di bambini raggiunse l’età scolare e per gli anni successivi si prevedeva una serie di lieti eventi. Si pensò quindi di fondare una scuola privata allo scopo di preparare gli alunni per il proseguimento della carriera scolastica in Svizzera. Nel 1902 dieci alunni frequentavano la scuola, sita nei locali del Club Tedesco-Svizzero, in cui l’insegnamento era impartito esclusivamente in lingua tedesca, secondo l’ordinamento scolastico del cantone di Zurigo. Il 1° gennaio 1904, basata sul principio della mutua solidarietà all’interno della Colonia, nacque l’Associazione Scuola Svizzera di Catania.
 
Nel 1907, per mancanza di alunni, la scuola sospese temporaneamente la sua attività che ricominciò nell’autunno del 1909, quando fu assunto il maestro Jakob Brunett che vi insegnò per 35 anni.

Scuola Svizzera Catania 1950

Nel 1925 la Colonia svizzera di Catania acquistò un terreno in Via M.R.Imbriani, un anno dopo fu presentato un progetto e nel 1928 la fondazione di una società rese possibile la costruzione della Casa Elvetica. Dopo oltre 80 anni, ancora oggi la Casa Elvetica continua a rappresentare un importante punto di riferimento per tutta la Colonia svizzera di Catania. Ē sede del Circolo e della Scuola Svizzera e la sua felice ubicazione, nel cuore di Catania, consente a tutti di usufruire degli spazi, accogliendo anche cittadini di altre nazionalità, in un clima interculturale assai vivo e fecondo per tutta la comunità.

La seconda guerra mondiale ebbe conseguenze anche sullo sviluppo della scuola; per il rientro in Patria di alcune famiglie, la scolaresca si ridusse a soli dodici alunni e l’anno scolastico 1939/40 iniziò in ritardo. Nel 1943 le lezioni dovettero essere sospese già nel mese di maggio a causa di ripetute incursioni aeree degli Alleati sulla città.

Se i danni subiti all’esterno durante la guerra furono presto riparati, il problema di vitale importanza era la mancanza di alunni, poiché la Colonia di Catania soffriva di invecchiamento e, per non farla estinguere, le ditte presenti in Sicilia si adoperarono al meglio per incoraggiare trasferimenti di giovani svizzeri.
Tra coloro che fecero rientro a Catania alla fine del conflitto, ci furono anche alcuni giovani che, in parte, proseguirono le attività commerciali dei loro padri.

Scuola Svizzera Catania 1950Negli anni ’50 alcune giovani donne svizzere tentarono anch’esse l’avventura e trovarono lavoro come governanti presso nobili famiglie siciliane. A quell’epoca furono celebrati diversi matrimoni all’interno della comunità svizzera. Ne conseguì, negli anni ’60, un discreto aumento della popolazione scolastica.

Nel 1954 per la prima volta nella storia della Scuola Svizzera furono accolti anche tre alunni in età di scuola materna.

Nel corso degli ultimi trent’anni la scuola è cambiata notevolmente. Con l’aumento del numero dei bambini iscritti, l’apporto di un unico insegnante svizzero per tutte le sezioni è risultato insufficiente. Si è resa necessaria l’assunzione di più insegnanti svizzeri, dividendo le classi in elementari e medie. Oggi la scuola è suddivisa in quattro sezioni: Scuola materna, 1a e 2a classe, 3a-5a classe e 6a-8a classe.

Scuola Svizzera Catania 1952Pur mantenendo sempre una percentuale del 30-40 per cento di alunni di nazionalità svizzera, la scuola ha accolto dagli anni ’70 un crescente numero di bambini di nazionalità italiana. Questi, insieme ai figli di emigranti siciliani coniugati a donne di nazionalità svizzera e rientrati in Sicilia negli anni ’80, hanno dato una nuova configurazione alla scolaresca. La scuola ha progressivamente assunto un ruolo fondamentale, fungendo da ponte di collegamento tra Svizzera e Sicilia. Per queste ragioni si sono rese necessarie modifiche ai programmi, che sono stati adeguati alla nuova situazione. In applicazione della Legge federale concernente il promovimento dell’istruzione dei giovani svizzeri all’estero, che impone alle scuole svizzere all’estero di preparare gli alunni al proseguimento degli studi sia in Patria sia nel paese di residenza, è stato introdotto da venticinque anni il doppio programma. Per renderne possibile l’attuazione, è stato necessario variare la composizione del corpo docente che, da tempo, non è più costituito solamente da personale svizzero, ma anche da qualificate insegnanti italiane. Oggi dieci insegnanti costituiscono l’affiatato team di lavoro della Scuola Svizzera di Catania. Gli alunni della Scuola Svizzera sostengono annualmente presso una Scuola Statale la Licenza Media.

Per celebrare degnamente il prestigioso traguardo dei 100 anni, l’intero anno scolastico 2003/2004 è stato ricco di avvenimenti speciali, coronati dai festeggiamenti ufficiali a fine maggio 2004.

Nel luglio del 2008 si è costituita l’Associazione Scuola Svizzera Catania e si è reso necessario cambiare lo statuto del 1904.

Dall’anno scolastico 2008/2009 gli alunni più grandi vengono preparati agli esami facoltativi in lingua tedesca del Goethe-Institut e dall’anno scolastico 2009/2010 agli esami facoltativi Cambridge di inglese.

Dal 1° settembre 2009 la Scuola Svizzera di Catania è stata inserita nell’elenco regionale delle scuole non paritarie.

Oggi più che mai la Scuola Svizzera di Catania presta molta attenzione alle nuove esigenze del mondo scolastico. Si propone di essere essa stessa innovativa, pur mantenendo la sua identità, rispetta e cura le tradizioni non trascurando le novità. Due sistemi scolastici diversi a confronto, si integrano perfettamente per molti aspetti e sui suoi banchi continuano a formarsi generazioni di alunni che proseguono con successo gli studi sia in Svizzera che in Italia.

Per richiedere informazioni telefonare esclusivamente in orari di segreteria,

altrimenti è possibile contattarci tramite posta elettronica